Da oggi (fino al 15 aprile 2019) scatta l’obbligo delle gomme invernali

Scatta oggi 15 novembre l’obbligo di dotazione di gomme invernali sulla maggior parte delle strade d’Italia. Tale obbligo durerà fino al 15 aprile 2019 e impone di equipaggiare sulla propria auto pneumatici invernali oppure M+S (i cosiddetti “quattro stagioni”). In alternativa agli pneumatici stagionali è necessario avere delle catene da neve di misura compatibile con quella segnata sul libretto di circolazione.

E’ da tenere presente comunque che alcune amministrazioni locali potrebbero designare dei limiti di tempo diversi per l’obbligo delle gomme invernali. Per questo motivo è necessario informarsi visitando le pagine web dei diversi comuni.

Vi ricordiamo che la circolazione senza pneumatici invernali o senza catene a bordo nelle strade in cui è attivo l’obbligo è punita con una sanzione da 81 a 318 euro.

Guidare d’inverno, i nostri consigli per viaggiare sicuri

Con il primo vero freddo della stagione è necessaria cambiare il proprio stile di guida. Montare degli pneumatici invernali può sicuramente migliorare la vostra trazione sull’asfalto viscido, bagnato o innevato, ma la sicurezza dipende soprattutto dal vostro modo di guidare. Ecco qualche consiglio per affrontare al meglio l’inverno.

GLI PNEUMATICI GIUSTI

Come si diceva, buona parte della vostra sicurezza in inverno dipende dal tipo di pneumatici che montate sulla vostra auto. Dal 15 novembre è partito sulla maggior parte delle strade italiane l’obbligo di montare gomme invernali o M+S. In alternativa è possibile “aggirare” tale obbligo avendo a bordo delle catene da neve della misura omologata sul libretto di circolazione. Affidarsi solo alle catene, evitando così di acquistare un treno di gomme stagionali, è una soluzione consigliata esclusivamente a chi usa pochissimo l’auto. Per chi invece la usa con costanza, o comunque quotidianamente, sia in città che in altre circostanze è sicuramente consigliato l’acquisto di gomme invernali o almeno all-season. Questi pneumatici hanno una mescola più morbida rispetto alle “cugine” estive e hanno un design del battistrada studiato specificamente per evacuare meglio l’acqua e garantire una trazione migliore sulla neve. Il risultato è una gomma che raggiunge la temperatura d’esercizio più velocemente ed è in grado di migliorare notevolmente la sicurezza durante i vostri viaggi.

STILE DI GUIDA NON AGGRESSIVO

Non si dovrebbe andare forte in curva già in situazioni climatiche normali, figuriamoci in inverno. Anche se la vostra auto ha la trazione integrale e le migliori gomme invernali presenti sul mercato, non esagerate mai con le accelerazioni in curva se l’asfalto è bagnato o ghiacciato. Moderate sempre la velocità prima dell’ingresso in curva e riprendete l’accelerazione solo quando siete in fase di uscita dalla curva stessa.

Da evitare le frenate brusche che rischiano di rendere instabile la vettura. Inoltre, rispettate sempre la distanza di sicurezza: alle basse temperature e con l’asfalto umido gli spazi di frenata aumentano.

DISPOSITIVI ELETTRONICI DI SICUREZZA

Ad aiutarvi nelle situazioni di vita quotidiana possono aiutarvi anche i numerosi dispositivi di sicurezza elettronici equipaggiati sulle auto moderne. I più importanti (e più utilizzati) d’inverno sono senza dubbio il controllo di trazione e l’antipattinamento. Entrambi regolano automaticamente la potenza trasmessa alle ruote motrici migliorando l’aderenza ed evitando sovrasterzo o sottosterzo a seconda dei casi.

Quando entrano in gioco, l’auto ve lo segnala con una spia sul cruscotto: se ciò accade vuol dire che avete adottato uno stile di guida (in curva o in fase di accelerazione) troppo aggressivo.

Utili anche i sistemi di frenata automatica d’emergenza. Montati ormai anche sulle city car questi sistemi arrestano automaticamente l’auto alle basse velocità (nella maggior parte dei casi fino a 30-40 km/h) se il radar rileva un’auto, un pedone o un ostacolo sulla strada. Spesso, se entra in gioco il sistema di frenata d’emergenza significa che non stavate prestando sufficiente attenzione alla guida.

 

 

 

Pneumatici invernali, Baraldi Gomme consiglia: GT Radial Winterpro 2

 

Il nuovo Wintepro 2 di GT Radial migliora notevolmente le prestazioni rispetto al suo predecessore. Il punto forte del prodotto GT Radial è senza dubbio il comportamento sul fondo bagnato dove è in grado di offrire spazi di frenata migliori del 10% rispetto al predecessore. Ottimo anche la trazione, sempre su fondo bagnato, migliorata anch’essa del 2% paragonata al modello precedente.

GT Radial Winterpro 2 ha mantenuto comunque inalterate le ottime performance su fondo nevoso, dove può garantire un’eccezionale aderenza per merito della particolare disposizione dei blocchi e delle lamelle.

Il Winterpro 2 è consigliato prevalentemente per compatte, medie o crossover compatti come Volkswagen Golf o Opel Mokka ed è disponibile in 36 misure da 13 a 17″ e con sezioni da 155 a 215.

Pneumatici all season, Baraldi Gomme consiglia: Yokohama AW21

 

AW21 è il prodotto di punta di Yokohama per gli pneumatici all-season, ovvero quelli che possono essere montati indifferentemente in ogni prodotto dell’anno.

Ciò che differenzia Yokohama AW21 rispetto alla concorrenza sono valori di sicurezza mediamente più elevati in ogni tipo di situazione atmosferica. AW21 garantisce infatti prestazioni molto positive sia in estate che in inverno.

Ottime soprattutto le prestazioni con pioggia, neve e ghiaccio dove l’AW21 eccelle grazie alle sofisticate scanalature Divergent V e Crossing Narrow che rendono efficace la trazione in ogni situazione e diminuiscono radicalmente il rischio di aquaplaning.

D’estate, il profilo largo e piatto riduce l’usura e aumenta la vita dello pneumatico della casa giapponese.

Yokohama AW21, nonostante sia uscito sul mercato da appena qualche mese, è già disponibile in oltre trenta misure, da 255/50R19 107W a 175/65R14 82T.

Pneumatici invernali, Baraldi Gomme consiglia PointS Winterstar 3

Nato dalla collaborazione tra Continental e PointS, il principale network di gommisti indipendenti al mondo, il Winterstar 3 è uno pneumatico invernale in grado di offrire ottime prestazione a costi contenuti.

L’elevato numero di blocchi nella parte centrale consente di intrappolare i fiocchi di neve e migliorare così la trazione su fondi innevati, mentre la presenza di blocchi più grossi nella parte più esterna del battistrada garantisce una maggiore area di contatto con l’asfalto e quindi più stabilità in curva.

Il PointS Winterstar 3 è inoltre studiato per drenare al meglio l’acqua grazie alle ampie scanalature centrali che riducono sensibilmente il rischio di aquaplaning. Grande cura è stata poi riservata al comfort vista la particolare disposizione dei blocchi sulle spalle che riduce al minimo le vibrazioni alla guida.

Il Winterstar 3 è disponibile in misure da 13 a 17″.

Pneumatici invernali: i consigli di Baraldi Gomme per viaggiare sicuri

 

Quali sono gli pneumatici invernali per affrontare al meglio la nuova stagione? Quale offre la miglior tenuta di strada? Scopriamolo nell’approfondimento di Baraldi Gomme.

 

 

POINTS WINTERSTAR 3

E’ il prodotto della collaborazione tra Points (network internazionale di gommisti indipendenti) e gli studi della Continental. Realizzato con un design asimmetrico e composto da una mescola ad alto tasso di silice promette una tenuta di strada solida e un elevato comfort di guida in qualsiasi situazione atmosferica. Gli ampi canali longitudinali presenti sul battistrada migliorano il drenaggio dell’acqua assicurando tanta sicurezza evitando così l’effetto acquaplaning.

 

 

YOKOHAMA WDRIVE V905

Uno pneumatico di sicura affidabilità quello prodotto dal marchio giapponese. Promosso a pieni voti dai club automobilistici tedeschi, svizzeri e austriaci, il V905 è realizzato con una speciale mescola a base di olio d’arancia che ne migliora la morbidezza e il grip. Le sue qualità di elevata tenuta di strada si esaltano in ogni condizione.

 

 

GT RADIAL WINTERPRO 2

Un prodotto di grande interesse quello realizzato dalla casa indonesiana che promette un eccellente rapporto qualità/prezzo. Col suo design simmetrico e la mescola morbida, nei test svoltisi in Francia ha ottenuto ottimi risultati soprattutto nella tenuta di strada in condizioni di asfalto bagnato. Winterpro 2 è consigliato per tutte le compatte e medie, nonché per i piccoli crossover e SUV.

 

 

 

 

 

 

 

YOKOHAMA AW21

E’ l’ultimo arrivo della Yokohama per quanto riguarda gli pneumatici all-season, cioè quelli che possono essere equipaggiati indistintamente in ogni periodo dell’anno. E’ peraltro il primo pneumatico all-season di Yokohama studiato appositamente per le vetture medie e compatte. La distribuzioni dei canali sul battistrada e la mescola sono state realizzate per migliorare soprattutto le performance durante la stagione invernale, migliorando la tenuta di strada con asfalto bagnato o ghiacciato.

GT RADIAL 4SEASONS

Una novità nel campo delle “4 stagioni” targata GT Radial che è in grado di assicurare ottime prestazioni sia in estate che in inverno. L’ampia nervatura centrale consente un ottimo drenaggio dell’acqua, mentre quelle più piccole a suoi lati migliorano il grip sui fondi innevati. Le spalle rigide consentono prestazioni migliori in termini di tenuta di strada e in curva.

Il primo anno del Centro Revisioni: il bilancio del responsabile commerciale Lorenzo Baraldi

Baraldi Gomme Centro Revisioni

E’ passato ormai un anno dall’apertura del Centro Revisioni di Baraldi Gomme. Un passo importante per la nostra azienda, dal 1962 punto di riferimento a Mantova e Marmirolo nell’ambito degli pneumatici, che ha avuto l’obiettivo di far diventare Baraldi Gomme sempre più un centro servizi.

Ai tanti e completi servizi di assistenza per gli pneumatici di auto e mezzi pesanti, si è aggiunta così la parte relativa alla meccanica con un’officina moderna per effettuare revisioni a norma di legge e procedere alle eventuali riparazioni necessarie in maniera istantanea.

Secondo il responsabile commerciale Lorenzo Baraldi, il bilancio dei primi 365 giorni di attività si può considerare più che positivo: “Abbiamo cercato di dare un servizio in più ai nostri clienti con l’obiettivo di fornire un’assistenza sempre più completa. Le prenotazioni al Centro Revisioni sono cresciute costantemente nel corso dei mesi e crediamo che questo processo continuerà ancora nei prossimi anni”.

Tra personale qualificato e macchinari di ultima generazione, l’officina del Centro Revisioni è una delle più complete e professionali della provincia: “Come si dice nello sport, abbiamo creato uno staff col giusto mix di gioventù ed esperienza, tenendo come comuni denominatori la professionalità e le capacità. Ci serviamo di attrezzature moderne e computerizzate che ci permettono di analizzare il veicolo nel migliore dei modi consegnando così ai nostri clienti un’auto sicura da guidare”.

Per i programmi futuri, non ci si sbilancia: “Abbiamo diversi progetti in ballo e nei prossimi mesi li presenteremo con orgoglio a tutti i nostri clienti”.

Stings Mantova e Baraldi Gomme: il rapporto continua

 

E’ con grande piacere che Baraldi Gomme comunica il rinnovo del rapporto di sponsorizzazione con gli Stings Pallacanestro Mantovana. La nostra azienda sosterrà quindi per la terza stagione di fila le imprese della principale realtà sportiva della città di Mantova, alle prese col campionato di Serie A2.

Grande soddisfazione per il responsabile commerciale di Baraldi Gomme Lorenzo Baraldi: “Per noi sarà davvero un piacere essere al fianco degli Stings anche per il prossimo campionato. E’ un grande onore essere legati ad una realtà che si sta consolidando anno dopo anno nella nostra provincia e che porta in alto il nome di Mantova in tutta Italia. Viste le vicissitudini estive, con questo rinnovo della partnership ci teniamo a ribadire in maniera ancora più forte la nostra fiducia verso il progetto della Pallacanestro Mantovana”.

 

(Foto Marco Donati)

La manutenzione dei mezzi pesanti: ecco i controlli consigliati

Come mantenere sempre efficiente il proprio mezzo da lavoro? Ecco qualche consiglio di Baraldi Gomme.

OLIO MOTORE E LIQUIDO DI RAFFREDDAMENTO

L’olio motore del proprio mezzo da lavoro (inteso principalmente come camion) andrebbe controllato ogni mille chilometri circa. E’ un chilometraggio limitato, ma è consigliabile controllare spesso il livello del liquido per verificare (e nel caso tamponare sul nascere) eventuali difetti o rotture delle guarnizioni.

Insieme all’olio, va controllato anche il liquido di raffreddamento, anche se le tempistiche riguardanti il relativo cambio sono più dilatate (ogni 2 o 4 anni). Per i rabbocchi va utilizzata solo acqua distillata o demineralizzata per evitare di intasare il sistema nel lungo periodo.

CONTROLLO DELLE GOMME

Le gomme rivestono un ruolo cruciale nell’assicurare la tenuta di strada e la sicurezza del trasporto. Lo scoppio di uno pneumatico è tra le principali cause di incidenti per i mezzi pesanti e per questo motivo è consigliabile verificare con intervalli brevi e regolari lo stato d’usura del battistrada e la pressione dello pneumatico. Non solo, va verificata anche la tenuta della valvola di gonfiaggio e lo stato della ruota di scorta. Occhio poi a eventuali bolle o graffi sulle spalle, piuttosto frequenti soprattutto sui rimorchi qualora si colpisca inavvertitamente un marciapiede o il mattone di una rotonda.

E’ importante, inoltre, assicurarsi della corretta convergenza del proprio mezzo e del relativo rimorchio per migliorare la stabilità, avere un’usura delle gomme regolare e abbassare sensibilmente i consumi di carburante.

FRENI

Il liquido dei freni deve essere sempre mantenuto al livello consigliato. Se scende sotto una certa soglia, si viene avvisati tramite una spia sul cruscotto. Da controllare anche lo stato del sistema di pompaggio: se riscontrate frequentemente un problema al liquido dei freni probabilmente è per via di una perdita.

I freni in sé andrebbero controllati ogni 20’000 km, oppure meno se si guida spesso il mezzo in città.

ADBLUE E FILTRO GASOLIO

Se avete un mezzo pesante, molto probabilmente siete alla guida di un motore diesel. Quelli più recenti sono equipaggiati con un sistema di abbattimento di emissioni che si serve del liquido AdBlue a base di urea. Assicuratevi di rabboccare il relativo serbatoio con AdBlue con parametri nella norma onde evitare di provocare danni immediati o a lungo termine al catalizzatore.

Controllate anche il filtro del gasolio ogni 30’000 km per migliorare i consumi ed evitare costose sostituzioni alla pompa e agli iniettori.

 

 

 

 

 

Come allungare la vita del motore: ecco 5 consigli

 

Desideri allungare la vita del tuo motore e ritardare l’acquisto di un’auto nuova? Ecco 5 consigli per mantenere al meglio il tuo motore.

1 ) CORRETTA MANUTENZIONE

L’aspetto più importante è sicuramente la manutenzione del motore. E’ infatti molto importante rispettare gli intervalli per i cambi dell’olio, del relativo filtro e del filtro dell’aria. Di norma basta rispettare le scadenze dei tagliandi, che sono controlli approfonditi in cui si verifica l’efficienza del motore e in cui vengono effettuate tutte queste sostituzioni. Si consiglia, inoltre, di controllare almeno ogni due anni l’antigelo, il liquido del servosterzo e quello dei freni.

Una manutenzione più accurata dovrà essere svolta soprattutto per i motori a gasolio. Essendo un carburante meno raffinato della benzina, nella sua combustione rilascia più residui che possono a lungo andare ridurre l’efficienza del motore.

Chiaramente il tipo di manutenzione da effettuare dipende anche dal tipo di utilizzo dell’auto e dalle percorrenze annue. Se si usa l’auto in città, il motore è sottoposto a maggiore stress e va quindi anticipata la manutenzione a circa 15’000 km per i benzina, metano o GPL e anche 10’000 km per i diesel.

2) UTILIZZO DEL CLIMATIZZATORE

Il climatizzatore, sia esso manuale o automatico, è il dispositivo che va ad incidere maggiormente sul consumo di benzina. Generalmente, il climatizzatore riduce del 10% la potenza del motore e può aumentare i consumi fino al 25%. E’ quindi consigliabile un utilizzo parsimonioso, oltre che oculato: se lasciate l’auto al sole tutto il giorno, evitate di impostare subito il climatizzatore sotto i 21 gradi per evitare di sottoporlo a eccessivo stress.

3) PARTENZA LENTA NEI MESI FREDDI

Rispetto a qualche decennio fa, durante i mesi invernali non bisogna più rimanere fermi a motore accesso per far riscaldare il proprio propulsore. Rimane comunque buona norma non sforzare il motore sin da subito. Occorre infatti partire a velocità moderata, tenendo il regime di rotazione sotto i 2000 giri per l’auto diesel e sotto i 3000 giri per auto a benzina, metano o GPL.

4) ARRIVARE IN RISERVA CON MOTORE DIESEL

Come si diceva, il motore a gasolio ha più impurità rispetto a quello a benzina. Queste impurità spesso si accumulano sul fondo del serbatoio e possono passare al sistema di alimentazione con possibili danni a lungo termine. E’ quindi consigliabile di riempire il serbatoio quando l’indicatore segna circa un quarto di carburante.

 

5) LAVARE IL MOTORE

Con periodicità diversa rispetto al lavaggio della carrozzeria, anche il motore necessita di una pulizia per liberarlo dal grasso e dai detriti accumulati specialmente durante i piovosi e gelidi mesi invernali. Assolutamente da evitare le idropulitrici che potrebbero causare danni all’impianto elettrico, mentre sono più idonei numerosi detergenti presenti in commercio e un po’ di aria compressa.

Lavare il motore permette di scorgere eventuali perdite di olio e di bloccare sul nascere possibili problemi.